L’Aja (ANSA) – Gli exit poll finali nei Paesi Bassi confermano il vantaggio della coalizione Laburisti-Verdi guidata da Frans Timmermans sull’estrema destra di Geert Wilders alle Europee. L’alleanza europeista sarebbe in testa con 8 seggi, rispetto ai 7 assegnati al Partito per la libertà (Pvv). Per il leader anti-Islam ed euroscettico si tratta comunque di una vittoria netta rispetto all’unico seggio ottenuto alle scorse Europee e successivamente perso dopo il passaggio a un altro partito del suo unico eurodeputato.

L’affluenza alle urne, secondo la stima diffusa da Ipsos, è stata del 47%, in aumento rispetto al 42% di cinque anni fa. La partita resta aperta e l’esito si capirà soltanto domenica sera, con i dati reali dello scrutino di tutti i Ventisette. Stando agli exit poll finali, il ticket Laburisti-Verdi perderebbe nel complesso un seggio rispetto agli attuali 9, frenando l’ondata sovranista pronosticata alla vigilia del voto. Dietro ai due rivali di punta seguono con 4 seggi i liberali di destra del premier uscente Mark Rutte, guidati da Dilan Yesilgoz (perdendo un seggio rispetto ai 5 detenuti nell’ultima legislatura).

I cristiano-democratici (Cda) si accaparrerebbero invece 3 seggi (-1) al pari dei liberali di sinistra D66 (+1). Il Movimento dei contadini (BBB) farebbe per la prima volta il suo ingresso all’Eurocamera ottenendo 2 seggi, così come gli altri alleati di governo di Wilders, i centristi di Pieter Omtzigt, che avrebbero però soltanto un seggio. Fuori dai giochi invece il Forum per la democrazia (FvD) guidato dal leader populista Thierry Baudet: dato inizialmente a un seggio, stando ai nuovi exit poll il partito farebbe registrare una sonora debacle, perdendo tutti e quattro gli attuali seggi a Strasburgo (6 giugno).

La responsabilità editoriale di questa pubblicazione è dell’ ANSA.